domenica 29 novembre 2015

Blog e Retroblog

Al giorno d'oggi è importante avere una "presenza" web. Non importa quale attività si svolga nella propria vita quotidiana: che si tratti di lavoro o di tempo libero, il web ormai è entrato nella nostra realtà.
E' importante che la presenza web sia efficace, lineare e, sopratutto, ordinata.
Avere un unico sito web pieno di contenuti spesso può distrarre i visitatori, specialmente quelli che cercano informazioni molto precise e dirette.

Ho deciso quindi di organizzarmi in questo modo.

Un sito web ufficiale.
Sul mio sito sono disponibili le informazioni più immediate: titoli dei racconti con copertine, trame, alcuni brani e tematiche trattate. Il tutto con i link per l'acquisto o per la richiesta di copie all'autore.
 
Un blog ufficiale (questo).
Dedicato a tutto ciò che ruota attorno ai miei racconti: spunti, aneddoti, scelte letterarie, approfondimenti e tutto quanto può interessare a coloro che, finendo di leggere un racconto, desiderano sbirciare dietro le quinte.

Un retroblog.
Dedicato a tutti gli altri. Gli altri chi? Scrittori come me o, semplicemente, persone che desiderano conoscere le mie esperienze in fatto di scrittura, problematiche editoriali, curiosità di ogni tipo, per finire con il mio pensiero in merito a qualsiasi argomento e altri approfondimenti non strettamente inerenti ai racconti che ho scritto.
Questo blog, che non a caso ho denominato "retroblog", è concepito come una "stanza per il relax" ed è scritto in modo assolutamente incurante di tutto: non ho badato all'ottimizzazione per i motori di ricerca, non ho badato troppo all'estetica, non ho badato alla lunghezza dei miei post, non ho badato strettamente alla forma della scrittura (ci scrivo a "braccio", come se fosse una chiaccherata tra amici dove non si bada troppo alla correttezza dei congiuntivi, ai tempi verbali :-) e alle ripetizioni (visto quante volte ho usato il verbo "badare"?? ) :-D ...). Insomma, come tutti i retrobottega che si rispettino, è un posto disordinato dove potete entrare a vostro rischio e pericolo.

Nessun commento:

Posta un commento