La fata fuggita, opera di Darius Tred, copertina ufficiale.In questo racconto ho introdotto uno scenario che tornerà spesso nelle vicende che deciderò di narrare. Si tratta di uno scenario onirico al quale, tuttavia, ho cercato (e cercherò) di dare una consistenza molto reale. Naturalmente si tratterà sempre di finzione letteraria ma, per quanto mi sarà possibile, cercherò di agganciarmi il più possibile a tutto ciò che la scienza odierna offre. In questo brano ne parlano Saverio e Rossana. Tornando allo scenario, cerco di tratteggiarlo senza anticipare troppi dettagli: in esso ci sono una lunga serie di torri, ciascuna delle quali custodisce una… ma non perdiamoci in dettagli inutili :-). Ogni torre ha un custode e, in questo racconto, viene citata la Torre della Chiaroveggenza. Ho immaginato che una torre così “strategica” dovesse necessariamente avere un custode all’altezza, la cui statura morale trasmettesse saggezza. Nella costruzione di questo personaggio ho deciso di ispirarmi a uno scrittore vero che purtroppo è morto oltre dieci anni fa. Uno scrittore i cui scritti mi hanno sempre trasmesso, appunto, grande saggezza e ispirazione. Ne è uscito un piccolo tributo. Ma posso essere così dispettoso da anticipare qui, sul mio blog, il nome di questo scrittore? No. Però vi lascio una traccia.

Estratti e approfondimenti

Materia oscura Saverio non era un fisico né un matematico ma la spiegazione di Rossana era molto chiara. E capiva benissimo che una differenza di quella portata era ...
Sedute ipersensoriali Il tema dei sogni e della loro interpretazione ha sempre esercitato un fascino particolare su di me. Ho sempre seguito con interesse tutto ciò che è v...
L’ombra lunga dei Magi Ho sempre trovato molto affascinanti le figure dei Magi, i "sapienti" d'Oriente. E ho sempre trovato sorprendente come le tradizioni popolari che si s...
Antefatti e Racconti Forse qualcuno si chiede come mai alcuni dei miei racconti hanno, come sottotitolo, la parola "antefatto". Per la precisione: Piccoli enigmi nascosti ...
Vortex e preghiere «Cosa sono quelli?» chiese il giardiniere. Puntò il dito verso quelli che sembravano essere piccoli vortici di un giallo intenso, quasi dorato. Ueuel...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *