Misteri di ghiaccio, opera di Darius Tred, copertina ufficiale.In questo breve racconto ho voluto includere un piccolo omaggio a Nikola Tesla. Probabilmente pochi hanno sentito parlare di Tesla e mi ha sempre sorpreso come la sua figura sia potuta rimanere (e lo è tuttora!) nascosta nell’oblio nonostante l’enorme apporto dato alla scienza. Ho avuto occasione di leggere alcuni libri su Tesla (raccogliendo su quest’altro mio blog alcuni brani celebri) e di capire come quest’uomo, vissuto a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento, fosse stato così geniale. Se dico Edison molti di voi penseranno all’inventore della lampadina e penseranno come quest’ultimo, contemporaneo di Tesla, debba essere stato così geniale per aver fatto la sua invenzione. Ebbene Edison, in termini di conoscenze scientifiche, invenzioni e brevetti, non poteva nemmeno reggere il confronto con Tesla. La cosiddetta Guerra delle Correnti che si creò a fine Ottocento a fronte della crescente industrializzazione nel mondo, era anche uno scontro tra l’uso della corrente continua, ideata e sostenuta da Edison, e l’uso della corrente alternata, ideata e sostenuta da Tesla. Se oggi tutti noi usiamo corrente alternata, potete ben immaginare l’esito della competizione. Forse viene spontaneo chiedersi come mai Tesla sia stato dimenticato: forse perché non ha mai amato la falsità dei banchieri, in particolare J.P. Morgan (altro suo contemporaneo) ? Comunque, al di là di queste diatribe, se volete avere una idea più precisa della genialità di Nikola Tesla, tenete presente che quest’ultimo non è mai stato convinto nemmeno dalla teoria della relatività di Einstein. Per molti di voi Einstein è una icona della scienza ma è bene tenere presente che anche le teorie di Einstein hanno un pò di pecche nascoste che solo gli addetti ai lavori conoscono benissimo. Insomma nemmeno la relatività di Einstein è perfetta. E indovinate un pò sulla base di quali osservazioni si confuta tale teoria? Su osservazioni fatte da Nikola Tesla!
Nikola Tesla è morto nel 1943, dimenticato, in un albergo di New York. Alla sua morte, pochissime ore dopo, pare che funzionari dell’FBI abbiano requisito tutti i suoi appunti, i suoi studi scientifici non ancora pubblicati ed una serie di suoi oggetti riempiendo il vano di un camion. Tutto il materiale è ancora oggi ricoperto dal vincolo “most secret” (un livello più severo del più famoso “top secret”).
Interessante (ed inquietante).

Estratti e approfondimenti

Fusione e Fissione In questo racconto ho voluto includere un piccolo accenno a quella che è una diatriba nascosta e, forse, sepolta. Quella tra fusione nucleare e fissio...
La sfera «Parlami della sfera» lo incalzò quest'ultimo. La sfera. Patterson rimase stupito da quel dettaglio. La sfera. Era uno degli ultimi campioni prelev...
Posti freddi «Che idea ti sei fatto in merito a tutta questa faccenda?» chiese nuovamente Jerome. «A parte i vantaggi economici, intendo.» Albert esitò per un m...
Realtà, Fantasia e… Real-Fantasy "In Antartide un'immensa riserva di... " Quando ho letto questo articolo non ho potuto fare a meno di pensare al mio racconto. Per un attimo mi sono ...
Le coste dell’Antartide In questo breve racconto si parla molto di Antartide. Il suo fascino è ancora intatto, come ogni nuova frontiera semisconosciuta. Già, perché nonostan...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *